01 dicembre 2007

Sono contento della mia vita sessuale

Il test della visita di leva

Finalmente il Governo italiano ha eliminato il retaggio barbarico della leva obbligatoria, e con esso anche la visita militare. A chi d’ora in poi non vi sarà più costretto, vorrei mostrare l’aspetto più folle di quest’esperienza (persino più allucinante di passare tre giorni seduto su di una panca in mezzo a coetanei in mutande) che è il test psicologico.
Il suo nome completo è "Minnesota Multiphasic Personality Inventory 2 - Forma ridotta" e contiene 357 domande. E qui sta la prima stranezza, in quanto non sono vere e proprie domande, ma affermazioni assurde alle quali bisogna rispondere vero o falso a seconda se siano proprie o meno. Ho selezionato solo le più allucinanti, e come noterete a molte di esse è impossibile rispondere esclusivamente sì o no, ma meriterebbero una risposta più complessa. Se avessi potuto, durante la visita di leva avrei risposto così:

Mi piacciono i fiori. Sì, quelli di zucca fritti. Vorrei fare il fioraio. Sempre meglio che il monnezzaro. Se fossi pittore dipingerei fiori. E se fossi ginecologo? Mi piace raccogliere fiori – Mi piace coltivarli in casa. Cos’è questa fissa che hai con i fiori, non è che tu te li fumi? Vorrei fare il cantante. Fico, i cantanti trombano un casino! Mi piace corteggiare le ragazze (o se sei una ragazza: mi piace essere corteggiata). Se fossi una ragazza mi toccherei le tette tutto il giorno. Ho sempre desiderato essere una donna (o se sei una donna: sono contenta di esserlo). Ma per chi l’avete scritto questo test, per Platinette? Sono convinto che la gente parli alle mie spalle mentre non ci sono. Se è per quello, lo fa anche quando sono presente. A volte sento suoni e odori che nessuno sente. Sì, quando uno scoreggia e poi dice "non sono stato io!" Credo che un prete possa guarire le malattie con la sola imposizione delle mani. No, quello era il mago Oronzo. Sono molto eccitato almeno una volta alla settimana. L’altro giorno per sfogarmi mi sono trombato un termosifone! A volte faccio sogni che è meglio non riferire. Sì, ma mi scoprono lo stesso perché mi sveglio tutto bagnato. Molto raramente soffro di stitichezza. In quei casi, un clistere di camomilla da due litri e passa tutto. La mia è stata una buona madre. Il mio è stato un buon padre. Non sono mica morti da parlarne al passato! Volevo bene a mia madre. Volevo bene a mio padre. Beh, il complesso di Edipo è una patologia seria. Odio mia madre. Odio mio padre. Calmo, passi da un estremo all’altro! Non è possibile avere un rapporto normale? A volte vorrei uccidere i miei genitori. E se così fosse te lo verrei a dire, così finisco dentro per omicidio premeditato? A volte sono così arrabbiato che impreco. "Arcipuffolina!" è considerato imprecazione? Credo che qualcuno mi rubi i pensieri. Sì, e poi mi chiede pure il riscatto! A volte sono posseduto da spiriti malvagi. Spero che almeno usino il preservativo. Se potessi entrare in un cinema senza pagare, sicuro di non essere scoperto, lo farei. E chi non lo farebbe? Da bambino ho compiuto alcuni furti. Eravamo una famiglia povera, talmente povera che anche il nostro maggiordomo era costretto a rubare. Vorrei costruire case. È una cosa così grave? Aiuto, fermate quei muratori! Mi piacciono i bambini. Sì, al forno con le patate. Ho dei nemici. Ho degli amici che mi stanno antipatici. Ho dei conoscenti un poco str#%zi, va bene lo stesso? Ho la diarrea molle almeno una volta alla settimana. Sì e me ne vanto. Sono contento della mia vita sessuale. Trombo come un opossum!

Tommy

4 commenti:

Tommy ha detto...

Dedicato a tutti coloro che non devono più fare la visita di leva, e non sanno cosa si perdono!

Anonimo ha detto...

Secondo me hai tralasciato quelle più allucinanti: io me ne ricordo qualcuna del tipo: "Provo piacere quando una persona a cui voglio bene mi fa del male", "Provo piacere a fare del male a una persona a cui voglio bene" oppure: "Penso che la mia anima si stacchi dal corpo e vaghi in giro per la casa", "Credo nel Demonio", "A volte mi sento posseduto" e cose del genere... senza tralasciare la mitica prima domanda: "Mi piacciono le riviste di meccanica"! Ma voi siete a conoscenza dell'esistenza di riviste di meccanica?!?
Comunque sarebbe bello intervistare chi ha ideato le domande del test.
Credo che un test del genere sintetizzi drammaticamente bene la demenzialità della visita di leva, è strano che trasmissioni tipo Striscia la notizia o le Iene non ne abbiano mai parlato...
Ugi

Anonimo ha detto...

dai non prendete in giro il mitico test Minnesota Multiphasic Personality Inventory che appunto non è stato inventato dai militari italiani (magari!) ma da Starke R. Hathaway e J. C. McKinley del policlinico universitario del Minnesota.
E' molto utile per una veloce diagnostica: a seconda delle risposte si creano dei profili grafici che vengono subito riconosciuti.
Non è che con questo test viene diagnosticata una malattia mentale, ma è utilissimo per lo screening. Se il test indica una predominanza di certe risposte allora si procede ad un colloquio.
Ricordiamoci che questi tipi di test prevedono che l'utente risponda a volte mentendo e contengono dei meccanismi grazia ai quali si scopre che l'utente si sta contraddicendo, sintomo quindi che c'è qualcosa di strano.

Concludendo provate ad analizzare milioni di persone ogni anni con i colloqui.. Impossibile. Questi tipi di test sono necessari in queste situazioni.

E ricordate, se credete che qualcuno vi rubi i pensieri, la prossima volta cercate di non portarli in un posto prevedibile :D

Tommy ha detto...

Grazie per i commenti, ragazzi!